I trader che investono con le cripotvalute ed in particolare con i BitCoin, sanno bene che si tratta di una valuta digitale molto volatile. Un asset dunque che lo si deve ben conoscere per investire se non si vuole perdere l’intero capitale.

E’ anche quello che è successo poche ore fa! Il flash crash che potrebbe interessare il Bitcoin nelle ultime ore. Ma cerchiamo di capire che cosa realmente è successo e perché.

Sappiamo che il prezzo del Bitcoin ha subito un misterioso flash crash.

Questo è avvenuto nella sessione di martedì per poi crollare vertiginosamente anche di svariate centinaia di dollari in solo qualche minuto.

Questa notizia, per altro molto potente per tutti i trader, è caduta come un fulmine a ciel sereno per tutti i trader, che avevano puntato in un rialzo sulla previsione anche di lungo termine.

La notizia è stata divulgata da parte della CNBC, la quale ha fatto notare anche che soltanto un indice è riuscito a tracciare il suddetto flash crash.

La sessione del lunedì ha fatto registrare un aumento senza precedenti con i Bitcoin che hanno anche superato i $4.860, un record considerando che quello precedente risale al 2 settembre 2017.

Lo stesso indice, tuttavia, ha mostrato un crollo di 600 dollari su quota $4.200 alle ore 09:00 di Londra.

Questo potrebbe significare anche il crollo del Bitcoin che ha assunto i tratti di un vero e proprio flash crash visto e considerato che il prezzo è immediatamente tornato a salire sopra quota  $4.787 alle ore 09:10 circa.

Ma cerchiamo di campire bene cosa sia successo.

L’indice di CoinDesk traccia un andamento Bitcoin attraverso anche una media di 4 exchange:

  1. Bitstamp;
  2. Coinbase;
  3. itBit;

L’unico che ha rintracciato il flash crash della cripto valuta è stato appunto CoinDesk.

Di conseguenza anche la CNBC ha controllato i suddetti 4 exchange che compongono il CoinDesk, ma nessuno di questi ha fatto registrare un alcun segnale di flash crash.

Possiamo definirlo come un problema relativo al CoinDesk o anche solo un crollo irrilevante che non ha nessuna considerazione in merito e che non deve per altro far allarmare nessun trader.

La testata CNBC sta ancora vagliando le possibili ipotesi che hanno portato a questo crash mettendosi anche in contatto con la stessa CoinDesk al fine di ricevere ulteriori informazioni in merito.

Al momento sembra che il presso del Bitcoin stia ritornano a salire facendo segnare un + 0,81% ed è scambiato a quota 4.787 dollari.

Caratteristiche dei Bitcoin

È indubbio per altro anche che i Bitcoin, il cui valore è passato in un anno da 600 dollari agli attuali 4.316, e le altre criptovalute, presentino caratteristiche strutturali che le rendono vulnerabili al rischio di bolla speculativa visto e considerato anche i record che ha registrato tutto quet’anno.

Ecco dunque che non si può pensare che comprare Bitcoin sia un fattore legato alla criminalità organizzata o di chi vuole nascondere le proprie ricchezze al fisco.

Le criptovalute, sono solo la punta dell’iceberg di una nuova rivoluzione digitale.

Essi infatti si basano su tecnologia “blockchain”, che anima l’ecosistema del Bitcoin e delle altre criptovalute, tanto che oggi esso rappresenta una delle migliori alternativa decentralizzata all’apparato istituzionale creato con lo scopo di garantire la massima “fiducia” e la possibilità di attestare l’identità personale e di conservare nel tempo la proprietà di un bene o trasferirla ad un altro soggetto.

Ecco dunque che il valore del Bitcoin sale anche sulla base di questo rivoluzionario sistema e non tanto per il suo rapporto di cambio con il dollaro o l’euro.

Allo stesso modo, un altro settore tecnologico e rivoluzionario è quello che permette di sperimentare e di prefigurare un mondo in cui le transazioni economiche tra persone, anche residenti in Stati diversi, possano avvenire direttamente, senza intermediari finanziari, e attraverso una moneta.

Ecco dunque i motivi secondo gli esperti che hanno fatto balzare il BitCoin alle stelle, con un offerta dettata da algoritmi matematici, trasparenti e liberi dal controllo di istituzioni nazionali o sovranazionali.