Nonostante la crescente concorrenza in altri paesi europei, il Regno Unito continuerà ad essere il leader del mercato FinTech nel prossimo futuro, secondo il gruppo Digital Transformation di Frost & Sullivan 

MILANO – 28 febbraio 2017 – L’Europa è afflitta dalla sofferenza del settore dei servizi finanziari e dalla crescente insoddisfazione dei consumatori, a causa della grande base installata di sistemi legacy, della resistenza degli operatori storici al cambiamento e dalle normative sfavorevoli. La regione è matura per un’esplosione FinTech ora che i Millennials entrano nella forza lavoro e chiedono convenienza e servizi agili e personalizzati. Questo nuovo ecosistema sarà particolarmente favorevole per consentire alle start-up di lanciare servizi esclusivamente digitali ed esclusivamente mobili rivolti a consumatori esperti di tecnologia, spingendo gli operatori storici a considerare nuovi modelli di business e a stringere partnership con le start-up per rimanere competitivi.

ID:85118039

 “Con la crescente domanda di nuovi canali, interfacce user-friendly e servizi device-agnostic, ossia indipendenti dal dispositivo utilizzato, gli operatori storici non possono più fare affidamento su installazioni informatiche voluminose, isolate e costose per servire i propri clienti”, afferma Deepali Sathe, analista di Frost & Sullivan. “L’uso di blockchain, analisi dei dati, intelligenza artificiale, apprendimento automatico, Internet delle cose e cloud ha cambiato il modo in cui i servizi finanziari sono erogati e utilizzati. Il risultato è una maggiore efficienza, convenienza e soddisfazione dei consumatori FinTech.” 

Lo studio “FinTech in Europe, 2016”, parte del programma Digital Identification  Growth Partnership Subscription di Frost & Sullivan, rileva che molti paesi europei con un’elevata diffusione di Internet e un’elevata semplicità di condurre gli affari sono consci dell’impatto del FinTech. Le tecnologie avanzate diventeranno di uso comune entro cinque anni, con l’aumento della diffusione nella regione. 

Per accedere gratuitamente a maggiori informazioni su questo studio e registrarsi per un Growth Strategy Dialogue, un rapporto interattivo gratuito con i leader di pensiero di Frost & Sullivan, si prega di visitare il link: https://goo.gl/6SdBrp

 Mentre l’adozione di queste tecnologie è chiaramente la via da seguire per il settore dei servizi finanziari in Europa, la mancanza di chiarezza sulle prospettive dei regolatori riguardo a FinTech e i timori legati alla sicurezza dei dati ne stanno ostacolando la crescita. La fiducia dei consumatori nel post-recessione è al livello più basso di sempre, poiché l’ultima crisi finanziaria è stata il risultato di accordi fraudolenti da parte dei regolatori in tutto il mondo, che hanno aumentato il costo delle operazioni per le banche e altre società finanziarie.

 Tuttavia, l’Europa gode di una forte domanda da parte dei consumatori e della presenza di uno snodo per i servizi finanziari: Londra. Con la Brexit, molti altri paesi stanno promuovendo ubicazioni alternative e proponendo offerte interessanti per le start-up con una struttura competitiva, ma ci vorrà del tempo perché possano eguagliare la solidità dell’infrastruttura e dell’ecosistema del Regno Unito.

 “In seguito all’attenzione per le soluzioni FinTech avanzate, il segmento che probabilmente assisterà ai maggiori cambiamenti sarà quello dei pagamenti”, osserva Sathe. “Una volta che i consumatori acquisteranno maggiore familiarità con le opzioni di pagamento online, la presenza di grandi operatori tecnologici come Apple e Google darà ulteriore slancio alla crescita del segmento dei pagamenti.”